Carico...

Citazioni dei Baustelle, poster dei Cani, Bene e Bukowski, fetish e ironia. Come i neofascisti di CasaPound stanno tentando di sciacquare fez e manganello nelle acque dell'hipsteria anni 2000.

«Renzi stiamo arrivandoooo!!!», annuncia Matteo Salvini dopo i ballottaggi delle amministrative. La nuova destra italiana ha infine trovato il suo leader ed è un uomo che, finito di svendere le ultime boccette di acqua del Dio Po, si è imposto di occupare quell’area nazionalista, xenofoba e antieuropeista che tante gioie ha dato ai post-fascisti d’oltralpe. «Cambiare si può», puntualizza poi.

Tra i più solerti sostenitori di questo progetto, avrete notato loro: i “fascisti del 2000” di CasaPound. Che nelle ore dell’emergenza migranti, organizzano il consueto presidio anti-immigrati a Milano. Visto il passato di fiero indipendentista di Salvini, è comunque un’alleanza che può apparire bizzarra e che ha già prodotto esiti paradossali, come accaduto lo scorso ottobre ai tempi di un’altra manifestazione anti-immigrazione, sempre a Milano:

CasaPound + Lega Nord = Prima gli italiani/Italia di merda – secessione

Ma se per il leader della Lega Nord si tratta di un’alleanza fisiologica e necessaria per conquistare quelle fasce di elettorato spaventate dal vecchio mantra “secessione”, per CasaPound sembra non esservi contraddizione alcuna. Un po’ è una mossa tattica, un po’ la Lega fascista lo è sempre stata (da Borghezio a Gentilini, gli esempi non mancano), un po’ loro mica sono fascisti normali.

Non sto dicendo che siano meno fascisti degli altri: ma sono diversi, o almeno vogliono sembrarlo. Per capirli, servono poco gli equilibrismi retorici tipo “non siamo proprio fascisti, ma stimiamo Mussolini”, “Fascisti sì, ma del terzo millennio”, e via dicendo: in questo sono identici a tutti gli altri, vogliono solo divincolarsi da una possibile noia legale. No, per capirli non bisogna ascoltarli quando parlano a noi, ma quando parlano tra loro. Oppure quando si rivolgono ai camerati che sbagliano: i fascisti “come quelli di una volta”, diciamo.

«Chi va col fez e il manganello è un pagliaccio che disonora il fascismo» (Simone Di Stefano, CasaPound)

Un ottimo punto di partenza può essere questa puntata di In Onda dell’ottobre del 2012, nella quale si confrontano Simone Di Stefano di CasaPound (neofascismo anni 2000) e Roberto Fiore di Forza Nuova (neofascismo anni Novanta). I democratici conduttori Telese e Porro, al minuto 18.40, mostrano «cosa è successo oggi nel cuore della Romagna rossa» cioè la tradizionale adunata di nostalgici del Duce a Predappio; ma prima che parta il servizio, Di Stefano se ne esce così: «Non ci piacciono le parate in cui c’è la gente vestita da pagliaccio». Continua poi, riferendosi al comizio del video tenuto da un prete, «quello è un prete che ha scambiato il fascismo per la buoncostume». E addirittura «il fascismo non ha tabù, non ha dogmi». Fiore non riesce a chiamare “pagliacci” dei camerati, ma Di Stefano rincara: «chi va col fez e il manganello è un pagliaccio che disonora il fascismo».

Si diceva ai tempi che il primo discrimine tra Forza Nuova e CasaPound consistesse nel fatto che questi ultimi rimuovevano Dio dal sacro trittico ideologico formato con Patria e Famiglia. Questo è sempre stato vero per chi ha nel suo pantheon spirituale gente come Nietzsche e Heidegger, ma quello che emerge qui è prima di tutto un problema estetico: o almeno, assume questa forma. Ritorneremo sull’assenza di Dio nelle coordinate ideologiche di CasaPound, ma per ora si manifesta una semplice insofferenza a un’insieme di pose, attitudini e simboli che non sono più in grado di rappresentare il fascismo anni 2000. Per questo è importante concentrarci sulle immagini, analizzare la produzione iconografica dei nuovi neofascisti, cercando il nuovo non tanto in quello che dicono ma in come lo dicono.

Prendiamo i manifesti con i quali arruolano tra le proprie fila i più svariati grandi morti del recente passato. Tanto si è detto su quest’operazione, inquadrandola solitamente come un tentativo di “riprendersi tutto” dalla sinistra. Ma se ci finisce anche Carmelo Bene in posa “fascio infame con le lame”, si capisce che non stanno saccheggiando solo i santini della militanza rossa, ma anche quelli di una più generale cultura d’elite, alta, altra, alternativa:

Bene con citazione di Collodi.

È un’operazione che CasaPound porta avanti prestando molta attenzione alla forma, che – si sa – tra intellettuali à la page è tutto: pochi colori e contrasti forti che generano un impatto visivo preciso, una costruzione dell’immagine ragionata, da designer, che niente ha a che spartire con porcate come – per restare al paragone con Forza Nuova – questa:

Fascisti demodé.

E che dire della distanza che passa tra il loro logo, un’enigmatica tartaruga che emerge da una geometria di bianchi e neri, e quella monotonia di fiamme tricolori che regna nel resto della destra estrema? Abbiamo davanti dei contemporanei che hanno fatto i conti con le più spregiudicate strategie visuali della contemporaneità, compresi i recuperi in chiave retropop di gente come Bukowski:

Ordinaria follia a via Napoleone III.

Ma è passeggiando nei sobborghi della galassia CasaPound che si scoprono le cose più interessanti, quelle che costituiscono il patrimonio iconografico di questa nuova specie di militanti.

C’è per esempio il tumblr Badabing!, piattaforma dell’omonimo negozio che si definisce SHOP NON CONFORME, ESCLUSIVO, 100% UNDERGROUND. La rassegna fotografica è spiazzante: tra striscioni di CasaPound, ricordi dei Marò e ritratti di Salvini, si infilano una serie di flash incongruenti: frame di cult dell’horror, dettagli soft porno, tatuaggi old school, dipinti sacri cruenti, immaginario fetish, cinema d’autore, miscellanea nipponica…

Emerge un quadro complessivo di – come chiamarlo? – nichilismo cool, le cui origini possiamo rintracciare nelle radici pseudo-punk del presidente di CasaPound: sto ovviamente parlando di Gianluca Iannone, a sua volta già frontman degli Zetazeroalfa, il gruppo musicale che tanti slogan ha regalato al linguaggio del fascio contemporaneo, da «nel dubbio mena» a «arremba sempre», eccetera.

L'immagine di apertura di Sexorcismo, il tumblr del negozio fascio-fashion Badaning!

Il patchwork di riferimenti culturali e iconografici presentato da questi nuovi fascisti, il loro flirt continuo con le sottoculture e i nuovi media, con il simbolismo sacro e il cinema di nicchia, l’autoironia goliardica e la sessualità trasgressiva… Tutto questo, nel 2015, più che punk possiamo quasi chiamarlo hipster.

Se pensate che mi stia allargando, che stia tirando indebitamente il discorso per sostenere una tesi pregiudiziale, guardate cosa ha appeso in cameretta “Mirko di CasaPound”, il giovane militante divenuto portavoce televisivo del movimento nella passata edizione di AnnoUno su La7:

Mirko di CasaPound. Dietro di lui, il poster del gruppo indie I Cani.

Cosa ci fa il poster dei Cani, il più importante gruppo dell’indie italiano degli ultimi cinque anni, nella cameretta di un fascista? E poi, guardatelo, vi sembra un picchiatore? Fisico mingherlino, barbetta disordinata, capello riccio ribelle, sguardo sognante… Peccato che stia parlando contro la legalizzazione delle droghe leggere.

Ok, ma magari questo Mirko non è nessuno: chi è che tesse veramente le fila culturali di CasaPound, e cosa ha da dire su questa presunta deriva hipster?

Il responsabile della cultura di CasaPound si chiama Adriano Scianca. Scrive sul Foglio, e ha anche firmato un libro intitolato Ezra fa surf, nel quale il poeta cui hanno regalato una casa si muove tra rocker alternativi e scrittori alcolizzati, combattendo tanto i banchieri quanto i pregiudizi perché sarà «Un Ezra Pound rock che salverà il mondo».

Ezra fa Surf/quanta roba si fa/MDMA...

Come è possibile – ideologicamente parlando – introdurre tutte queste suggestioni a un tempo controculturali e ipercontemporanee in un frame fascista che, per definizione, presenta come caratteri fondamentali l’ordine, la disciplina e il richiamo a un passato mitico? Per dirla ancora più chiara: cosa c’entra questo nichilismo cool con Dio, la Patria e la Famiglia?

In realtà, l’appropriazione anche goffa di codici e linguaggi nati “dall’altra parte”, è un classico del neofascismo italiano perlomeno dai tempi dei Campi Hobbit. Ma la domanda se l’è comunque posta  qualche tempo fa un tale che si firmava Mastro Fisto in un interessante articolo (ormai irrecuperabile) apparso sul defunto sito Ideodromo di Casa Pound.

Due parole sull’autore: per Ideodromo, MastroFisto ha scritto un pugno di articoli su cinema e letteratura. La sua prosa, il suo stile, i suoi contenuti, erano estremamente simili a una penna molto più famosa di internet, quella di Svart Jugend, blogger nichilista, nazista “ironico”, patito dell’horror e delle Peroni, amato anche dagli hipster di sinistra che preferiscono evitare di riflettere su quanto di ironico ci sia nel suo nazismo. Personalmente, sono convinto che MastroFisto e Svart Jugend siano la stessa persona.

Anche i nazisti fanno ironia.

E adesso due parole sull’articolo sopracitato: il pezzo era una riflessione sulla figura di Franti nel libro Cuore, e partiva da una domanda urgente: perché a noi (noi fascisti) piace Franti? Franti è il nemico di un micromondo veramente da camerati: una scuola di stampo nazionalista in cui i valori sacri della neonata Italia vengono trasmessi agli studenti in una dimensione gerarchica e ben disciplinata. Poi De Amicis diventerà socialista, ma questa è un’altra storia.

Franti in ogni caso non ci sta, è irriducibile a qualunque ordine e non perché animato da qualche politica rivoluzionaria (cosa che l’autore precisa per schernire il gruppo anarchico che si appropriò del suo nome) ma perché dotato di una natura profondamente corrotta, marcia, malvagia. Franti è persino vigliacco, arrogante coi più deboli e sottomesso ai più forti, rinuncia cioè anche a quell’ultimo valore che potrebbe recuperarlo nelle file dei camerati: l’onore. Eppure, riconosce sgomento l’autore, Franti ci piace. Franti incarna quell’anima nichilista di un certo fascismo che costituisce, per così dire, il suo motore romantico.

L’estrema destra italiana è sempre oscillata tra il recupero in chiave reazionaria delle parole d’ordine del Ventennio (il fascismo vittorioso e solare che regolamenta e disciplina la società e che vuole ispirarla di valori positivi, tradizionalmente positivi e rassicuranti) e la sua presunta anima loser, incarnata dal fascismo perdente di Salò, dal “le donne non ci vogliono più bene”, e ancor prima dall’arditismo squadrista. È un fascismo che fa la corte alla signora Morte (“Viva la muerte!”, gridavano i falangisti spagnoli), messo ai margini della società che pure vuole modellare, che abbraccia la sconfitta e infine, in una capriola ideologica non indifferente, sguazza felice e tragico in un nichilismo tanatofilo ultimo sussulto di virilità.

I padri non ci sono, non c’è un Duce credibile alla guida della nazione, e i camerati possono rompere le righe e baloccarsi con le cose più fiche e cazzute che trovano nel supermarket del mondo moderno.

CasaPound gioca proprio sul fatto di non sedere sul trono: la sua intuizione fondamentale, non compresa da quella destra estrema che “ordine e disciplina” non li può esercitare, è proprio l’esaltazione della posizione marginale in cui si trova, con tutta l’aura romantica che ne consegue. «Siamo un esercito di spettri ingovernabili», dice la nuova maglietta di Casa Pound, rivendicando la poetica accusa che ai fascisti del terzo millennio rivolse Nichi Vendola; un’esemplare inversione dello stigma, anch’essa di matrice romantica.

Il nichilismo ha lo scopo di glamourizzare un’opposizione contemporaneamente politica e esistenziale e apre il campo ad una coolness contemporanea, fatta di feticci controculturali, che sarebbe stata semplicemente intoccabile nel frame del fascismo solare, nostalgico e disciplinato. Ma ora i padri non ci sono (il padre eterno è stato esplicitamente espunto dal trittico per questo), non c’è un Duce credibile alla guida della nazione, e i camerati possono rompere le righe e baloccarsi con le cose più fiche e cazzute che trovano nel supermarket del mondo moderno.

C’è una canzone di quell’album che Mirko di CasaPound si è appeso in camera che inquadra lucidamente un tratto del fascismo diffuso, quello non militante, vissuto da tanti ragazzini ricchi e annoiati: «Animati da un generico quanto autentico fascismo/testimoniato ad esempio dagli adesivi sui caschi». Ecco, CasaPound sta cercando di mettere gli adesivi su quei caschi. Fanno quelli spontanei, romantici, che se ne fregano di tutto, ma il loro baraccone simbolico lo hanno architettato con fin troppa cura.

I “pariolini di diciott’anni” sono sordi ai vecchi rimbambiti di Forza Nuova e alle pagliacciate di Predappio: vogliono un altro tipo di pagliacciate. Come quelle che piacciono a Di Stefano, per esempio. Niente soldatini di un ventennio che non esiste più, ma – ultimi dei romantici – in marcia compatti con le maschere tricolori e un cappio al collo.

Alessandro Lolli
Alessandro Lolli nasce a Roma nel 1989. Ha collaborato con Nuovi Argomenti, Polinice, Soft Revolution Zine, Crampi Sportivi e DUDE MAG. È laureato in filosofia. A tempo perso lavora in un centro scommesse sportive.

PRISMO è una rivista online di cultura più o meno pop fondata ad Aprile 2015.

Scriveteci a prismomag (at) gmail (dot) com


Direttore: Timothy Small
Caporedattori: Cesare Alemanni & Valerio Mattioli
Design Direction: Nicola Gotti
Art: Mattia Rinaudo
Consulenti editoriali: Francesco Farabegoli, Francesco Pacifico, Costanzo Colombo Reiser, Laura Spini
Sviluppatore: Gianmarco Simone

© Alkemy 2015