Carico...

Giustizia per la Banda Bassotti, antiche ricette di cucina e la tristezza di Ben Affleck: cose da leggere e guardare durante il fine settimana.

Ciao, eccoci qui, è Link Molto Belli, la rubrica del sabato che è anche una newsletter a cui ci si iscrive qui. Cominciamo subito, vai.

Mappe finte generate da un algoritmo e pubblicate su Twitter. Siamo arrivati a questo.

Uno

Un ventiquatrenne americano che non ha mai bevuto la Coca-Cola.

“Conspiracy theorists erase the human aspect of history.” Cosa succede quando milioni di persone si convincono che la strage in cui tuo figlio è morto è stata una montatura, smentendo l’esistenza di tuo figlio stesso. Una lettura che fa girare i maroni.

Sigh.

Ben Affleck fuma tristemente.

Map Men è un show su Youtube che parla di posti e mappe. Fa molto ridere, è di Jay Foreman and Mark Cooper-Jones.

Il problema delle manette facili nei confronti della Banda Bassotti.

Universo ciambelloso.

Se andassimo dritti nell’universo per tantissimo tempo, torneremo al punto di partenza? Una domandina da niente.

Antipasti prepared with prosciutto and melon is “based upon ancient medical principles” e altre informazioni da matti sulle ricette antiche.

A cui segue un’altra domandina: la scena di sesso del Titanic era una pecorina? WOW.

Simpsonsss

I Simpson sono il miglior show televisivo di sempre, lo dice pure il critico del New York Mag. Se non siete d’accordo, chiudete la tab e addio. Di seguito, l’analisi socio-economica di Homer Simpson (e di tutti i lavori che ha fatto). Infine, questo tizio ha preso Fantozzi e l’ha simpsonizzato.

carico il video...

Due

C’è un tizio che ha fatto un adventure game usando Google Forms. (Errata corrige: non è “un tizio” ma Porpetine, una nota sviluppatrice di videogiochi pazzi. Sorry – PM.)

Ah, quindi Putin è tipo the Ice King: vive in un posto freddo, fa il cattivo ma in realtà è molto solo? (In realtà è una testa di cazzo.)

EVE è un videogioco in cui milioni di persone si fanno la guerra spaziale. C’è un Impero e ci sono i ribelli; la cosa bella è che c’è anche la propaganda.

“After 2020, we will start to see the return of virtuosity and performance skill”. Qui ci si chiede: è ancora possibile creare un nuovo strumento musicale?

Un sito che trasforma Wikipedia in un universo in 3D.

Una foto strana.

Perché alcune persone adorano l’habanero e altri peperoncini piccantissimi?

Clickhole <3.

La settimana

Su Prismo abbiamo parlato dello split screen, lo strumento narrativo in cui lo schermo è diviso in due o più parti, e pubblicato una lettura critica di Dark Ecology, il nuovo saggio del filosofo Timothy Morton. Poi, finalmente un articolo chiaro sulla blockchain! E i bei tempi della Simulmondo! E un reportage dalla Biennale di Berlino! Evvai.

Su The Towner, invece, ho intervistato la direttrice di Atlas Obscura mentre Valerio ha una modesta proposta per Roma. Infine, gran pezzo di Sara Marzullo sulla solitudine in città.

Ed è tutto. Se non siete ancora iscritti, potete risolvere tutto qui. Sennò niente. A sabato prossimo.

Pietro Minto
Caporedattore di Prismo, collabora con "La Lettura" del Corriere della Sera e Rolling Stone. Ha una newsletter che si chiama Link Molto Belli.

PRISMO è una rivista online di cultura contemporanea.
PRISMO è stata fondata ad Aprile 2015 all’interno di Alkemy Content.

 

Direttore/Fondatore: Timothy Small

Caporedattori: Cesare Alemanni, Valerio Mattioli, Pietro Minto, Costanzo Colombo Reiser

Coordinamento: Stella Succi

In redazione: Aligi Comandini, Matteo De Giuli, Francesco Farabegoli, Laura Spini

Assistente di redazione: Alessandra Castellazzi

Design Direction: Nicola Gotti

Art: Mattia Rinaudo

Sviluppatore: Gianmarco Simone

Art editor: Ratigher

Gatto: Prismo

 

Scriveteci a prismomag (at) gmail (dot) com

 

© Alkemy 2015