Carico...

La fine di Vine, le immagini creepy su internet, la barba di Donald Trump: cose belle e interessanti da consumare durante il fine settimana.

Ciao e benvenuti a Link Molto Belli, l’appuntamento del sabato con l’internet. Anche questa settimana siamo carichi di delizie (se volete riceverla nella vostra mail, iscrivetevi qui), quindi salite a bordo del trenino del buonumore.

L'Italia è il Paese che amo. Da notare anche la Bielorussia, che non ride di nulla.

Inizio

Un astronauta muore nello Spazio e vaga nel vuoto finendo su Marte, portando la vita sul pianeta rosso. Possibile?

È tipo un quiz di BuzzFeed solo che non è di BuzzFeed e ti dice quando morirai e di cosa.

Ottimo lavoro.

Meme > Gesù

Questa intelligenza artificiale, proprio come voi, vede cazzetti everywhere.

Il New Yorker sulle immagini più creepy del web.

Come – e perché – cominciare a correre. Anche piano.

Avete presenza le immagini cospirazioniste piene di cerchi, frecce e PROVE DEL COMPLOTTO? Boing Boing ha realizzato un bot che le genera casualmente e sono migliori delle originali.

Donald Trump non ha la barba – ma è una scelta oppure non ce l’ha proprio? Un’indagine impagabile di Ashley Feinberg.

Suonare la cornamusa nei posti estremi.

Parte in mezzo

Un motore di ricerca per GIF vecchio stile come ad esempio questa jeep.

Twitter ha deciso di chiudere la versione mobile di Vine. Vine è stato il social network più pazzo del secolo, forse lo sarebbe rimasto se Twitter avesse voglia di lavorare. D’altronde, se a fine 2016 bisogna ancora mettere un punto prima della chiocciola a inizio tweet, forse non c’è davvero speranza di far funzionare le cose. COMUNQUE. Ryan Broderick di BuzzFeed ha tenuto un memorial pubblicando su Twitter i migliori Vine di sempre. Sono tutti bellissimi. Fanculo Twitters.

Perché bere un bicchiere di latte è così inquietante

An oldie from my mr universe series
Una foto pubblicata da celeste mountjoy (@filthyratbag) in data:

Lettura: “Someone Is Learning How to Take Down the Internet”.

L’azzurro oltremarino è un privilegio che Michelangelo non poteva permettersi: è giusto che i pittori dilettanti lo usino?

Mr. Muscolo è post-gender, bitches.

La settimana

Nel frattempo su Prismo abbiamo di un libro sulla musica registrata che promette benissimo e difeso Mafia III. Poi ci siamo chiesti chi si vuol comprare Twitter e io ho letto un libro che spiega perché nessuno ci capisce più niente. Infine, Sorrentino è The Young Pope?

Pietro Minto
Caporedattore di Prismo, collabora con "La Lettura" del Corriere della Sera e Rolling Stone. Ha una newsletter che si chiama Link Molto Belli.

PRISMO è una rivista online di cultura contemporanea.
PRISMO è stata fondata ad Aprile 2015 all’interno di Alkemy Content.

 

Direttore/Fondatore: Timothy Small

Caporedattori: Cesare Alemanni, Valerio Mattioli, Pietro Minto, Costanzo Colombo Reiser

Coordinamento: Stella Succi

In redazione: Aligi Comandini, Matteo De Giuli, Francesco Farabegoli, Laura Spini

Assistente di redazione: Alessandra Castellazzi

Design Direction: Nicola Gotti

Art: Mattia Rinaudo

Sviluppatore: Gianmarco Simone

Art editor: Ratigher

Gatto: Prismo

 

Scriveteci a prismomag (at) gmail (dot) com

 

© Alkemy 2015