Carico...

Cattura degli ostaggi, propaganda mediatica e “gestione della barbarie”: da dove vengono le strategie dell'ISIS? Da Management of Savagery, un libro del 2004 diventato un manuale di riferimento per il gruppo terroristico.

Sul conto di Abu Bakr Naji non sappiamo molto, anzi non sappiamo quasi nulla. Abu Bakr Naji probabilmente neppure esiste. Potrebbe trattarsi di un nome collettivo o dello pseudonimo di Muhammad Kalil al-Hakayama, stratega della propaganda di al-Qaeda, nato in Egitto nel 1961 e ucciso da un drone americano nel 2008 in Pakistan.

Chiunque sia o sia stato Abu Bakr Naji, questo nome compare sulla copertina di Idarat al-Tawash, un e-book del 2004 tradotto in inglese come Management of Savagery (1). Un testo che, per ammissione degli stessi membri, è uno dei più circolati, letti e studiati tra l’élite di Daesh, tanto che il Guardian lo ha definito una sorta di manifesto del gruppo.

Composto ora nello stile solenne di una predica, ora in quello asciutto di un trattato, Management of Savagery (Mos) è un manuale per nuotare nelle acque agitate di un movimento insurrezionale, inasprirne la violenza e indirizzarla gradualmente verso un obiettivo minimo: la proclamazione di uno stato islamico. In pratica una specie di Sulla guerra di lunga durata adattato al jihad contemporaneo.

La copertina dell'ebook Management of Savagery.

Come già accennato, Mos fa la sua comparsa online nel 2004, per la precisione all’inizio della primavera. Se ne deduce che deve essere stato terminato non oltre i primi mesi di quell’anno, in piena invasione anglo-americana dell’Iraq; quando ancora gli Usa ritenevano possibile avviare un processo di nation building nella regione e l’insurrezione sunnita non era entrata nella fase più calda. Quando, soprattutto, cominciava a emergere un concetto di jihad alternativo a quello globale di Osama bin Laden, un jihad più territoriale e settario, espresso dal gruppo al-Tawhid wal Jihad (da ottobre 2004 al-Qaeda in Iraq) di Abu Musab al-Zarqawi. Per il quale era prioritario fomentare la violenza anti-sciita in Iraq, ancora prima di quella anti-occidentale, ottenere il controllo di una porzione del Paese, giungere alla proclamazione di un Califfato e solo successivamente rivolgersi ai nemici crociati. Principi che al-Qaeda in Iraq si porta in dote anche quando, slegandosi da al-Qaeda e unendosi al Mujahideen Shura Council, nel 2006 forma il gruppo Stato Islamico dell’Iraq, ovvero uno dei principali costituenti della futura ISIS.

È difficile dire se sia nato prima l’uovo o la gallina in questo caso—ovvero se le idee contenute in Mos abbiano influenzato personaggi come al-Zarqawi e gli altri insorti sunniti in Iraq, o se, viceversa, il libro non faccia altro che divulgare delle idee già circolanti—ma è indubbio che tra il modello di jihad di bin Laden e quello di al Zarqawi, Abu Bakr Naji appare più vicino a quest’ultimo.

Letto oggi, con il beneficio del poi, Mos è un testo inquietante. Lo è per il modo in cui raccomandava ai jihadisti alcune strategie che in seguito sono state effettivamente messe in atto. Lo è per come pronostica una serie di eventi che si sono effettivamente verificati, dalla riuscita dell’insurrezione sunnita in Iraq alla proclamazione di ISIL nel giugno 2014. Ma è anche istruttivo, perché offre un punto di vista diretto e non filtrato sul modo di pensare e pianificare di una mente del jihad. Una mente che, fatto ulteriormente inquietante, appare spesso tutto meno che annebbiata dal fanatismo, e anzi lucida e analitica.

La strategia che Naji immagina per il futuro della jihad non passa dalla ripetizione di atti clamorosi come l’11 settembre, ma da una miriade di 'operazioni' più piccole e locali.

Impantanare lOccidente
La traduzione inglese di Idarat al-Tawahush consta di 268 pagine, divise in cinque capitoli principali più alcuni articoli supplementari, e comincia con un’analisi macropolitica del mondo arabo a partire dall’accordo Sykes-Picot del 1916.

Oltre a giustificare storicamente la necessità del jihad, questa prefazione serve a Naji per persuadere i suoi lettori di come, nonostante sembri invincibile, la superpotenza americana di fatto non lo sia. A sostegno della tesi l’autore trae un exemplum dalla storia del jihad, come farà spesso nel proseguo del libro, e cioè il crollo dell’Unione Sovietica, a suo parere avvenuto perché i mujahideen afghani seppero “attivare elementi di dissesto culturale nella madrepatria [della superpotenza comunista]”. L’eccessiva considerazione del ruolo giocato dallo scacco afghano nel crollo dell’USSR è peraltro uno dei miti fondativi a partire da cui Abdullah Yusuf Azzam creò al-Qaeda. Ed è, a dirla tutta, un’esagerazione di cui l’Occidente si rese complice all’epoca, per necessità strategiche legate alla Guerra Fredda. Corsi e ricorsi, secondo Naji è proprio riproponendo la strategia utilizzata per piegare l’USSR, che l’Islam radicale riuscirà a sconfiggere il suo attuale e principale nemico “crociato”, gli Stati Uniti. Al quale, si spinge ad ammettere, le masse obbediscono “non solo per paura ma anche per amore, perché [con il loro inganno mediatico] diffondono libertà, giustizia, eguaglianza tra gli uomini e svariati altri slogan”. (2)

La strategia che Naji immagina per il futuro della jihad non passa dalla ripetizione di atti clamorosi come l’11 settembre, difficili e dispendiosi da realizzare e forieri di pesanti ritorsioni militari e cattiva pubblicità alla causa nel resto della Umma, ma da una miriade di “operazioni” più piccole e locali, che impantanino sempre più l’Occidente nei deserti mediorientali fino a sfaldarne il fronte interno. “Lo schiacciante potere militare di una superpotenza può diventare una maledizione se la sua coesione sociale collassa”, scrive infatti l’autore poco prima di citare lo storico inglese Paul Kennedy (identificandolo erroneamente come americano): “se una potenza estende l’uso del suo potere militare e strategico oltre il necessario, ciò inevitabilmente porta alla sua rovina”.

Un estratto dall'e-book.

Oltretutto, secondo Naji, il nemico sovietico era ben più temibile di quello occidentale, dato che, con apparente e straniante nostalgia, egli scrive: “La crudeltà del soldato russo è doppia di quella [del soldato] americano. Se il numero di americani uccisi raggiunge anche solo un decimo di quello dei soldati russi morti in Afghanistan e Cecenia, fuggiranno senza guardarsi indietro. Questo perché la struttura delle milizie americane e occidentali non è più la stessa delle loro milizie all’epoca del colonialismo. Hanno raggiunto un livello di effeminatezza che li rende inabili a sostenere battaglie di lungo periodo e quindi compensano questa debolezza con l’inganno mediatico”. Oltre a queste considerazioni di carattere, diciamo, psicologico, Naji ne aggiunge una logistica, quando scrive: “il centro dell’Unione Sovietica era in un certo modo vicino ai paesi in cui ci si opponeva a lei. Condividevano persino dei confini con essi, e quindi gli veniva semplice ed economico inviare rifornimenti, uomini e mezzi in quelle aree. La faccenda è differente per gli americani, la distanza delle periferie della guerra dal suo centro dovrebbe rendergli chiare le difficoltà di continuare a tenerci sotto il loro controllo”.

Il vuoto di potere e la barbarie
La prefazione che ho appena riassunto—avverte lo stesso autore—va comunque considerata più un excursus storico a scopo motivazionale che una vera e propria componente del piano a breve termine di Naji. Che, lo ribadisce nuovamente all’inizio del primo capitolo, è quello di arrivare per gradi alla proclamazione di un Califfato in Medio Oriente e solo in seguito fare i conti con il nemico occidentale. Scrivendo durante l’occupazione americana di Afghanistan e Iraq, Naji non può ovviamente non tenerne conto. E, ancora una volta, egli attinge alla storia dell’Islam per nobilitare il jihad contemporaneo. In questo caso alle crociate, per ricordare come già allora più che singole battaglie campali furono piccole ma numerose azioni di guerriglia a scacciare gli invasori dalla Terra Santa. Citando Abu Qatada, Naji scrive: “I lettori ingenuamente credono che quella parte della storia islamica che ha a che fare con i crociati sia stata risolta grazie all’intervento di uno stato che si è unito per comandare i musulmani. Questo è un chiaro errore. I lettori che esaminassero con cura quel periodo vedrebbero come i musulmani  hanno risolto la questione con i crociati attraverso piccole bande e svariate organizzazioni separate […] in seguito unite in un singolo gruppo organizzato”.

Nelle intenzioni di Naji questo periodo di ‘vessazione e sfinimento’—fatto di eccidi settari e sigle terroristiche in competizione per il “miglior martirio”—dovrebbe portare alla destabilizzazione totale di interi territori.

Allo stesso modo, quindi, si dovrebbe comportare l’insurrezione anti-americana in Iraq e Afghanistan. Questa è la fase che Naji definisce come “il potere della vessazione e dello sfinimento”, in cui il jihad dovrà diversificare la propria azione su diversi territori (in particolare, oltre ai paesi della mezzaluna fertile, cita Yemen, Giordania, Pakistan, Nigeria e Maghreb), per forzare il contingente occidentale alla smobilitazione, di fronte all’impossibilità di “tenere il passo” delle violenze innescate da piccole cellule di jihad autonome, attive su più fronti e prive di leader chiaramente identificabili. Colpendo su così tanti livelli e così spesso, secondo Naji, si darà l’impressione agli invasori di “essere in guerra con l’intera popolazione locale”: una strategia che alcuni analisti militari hanno paragonato all’Auftragstaktik prussiana. A tale scopo, per Naji, la violenza intra-musulmana e in particolare anti-sciita, non solo sarebbe religiosamente permissibile ma addirittura utile. Permetterebbe infatti di aumentare i bersagli, di polarizzare le differenze tra jihadisti e islamici moderati, radicalizzando alcuni di questi ultimi, e, soprattutto, di alimentare il ciclo delle violenze e delle ritorsioni con un conseguente incremento del caos.

Nelle intenzioni di Naji questo periodo di “vessazione e sfinimento”—fatto di eccidi settari e sigle terroristiche in competizione per il “miglior martirio”—dovrebbe portare alla destabilizzazione totale di interi territori—inizialmente, dice, anche solo “una città, un villaggio, due città, un distretto, o parte di una grande città”—e alla creazione, in quelle aree, di vuoti di potere in attesa di essere colmati.

Per tutto il libro Naji cita di rado dei leader o delle sigle in particolare (inclusi bin Laden o al-Qaeda). Si limita a parlare genericamente di mujahideen—quasi a sottolineare che il jihad è un’Idra ubiqua—ma è evidente che l’ascesa di un signore della guerra come al-Zarqawi ai vertici dell’insurrezione irachena, con la sua ossessione anti-sciita, la sua personalità iper-violenta e il suo culto anche estetico della morte (nel 2004 inaugurò di sua mano l’epoca delle decapitazioni filmate), si rivelerà perfettamente funzionale al disegno di gettare interi territori in preda a quella che Naji chiama “la legge della giungla nella sua forma più primitiva”.

al-Zarqawi, il terrorista che ha influenzato le idee del Mos.

La gestione della barbarie
Dopo averle trascinate nel caos più totale, da guerriglieri, prevede Naji, i jihadisti si dovranno trasformare in amministratori, occupando il vuoto di potere da loro stessi creato. Come? Niente di più semplice. A quel punto—scrive—la situazione sarà tale che “le brave persone e persino i più saggi tra i malvagi brameranno l’avvento di qualcuno in grado di gestire la barbarie”. L’agnello terrorizzato insomma si getterà di sua volontà tra le fauci del lupo, in cambio di un minimo di protezione e dei servizi essenziali. È allora che quei territori entreranno nella fase che Naji chiama “la gestione della barbarie”.

“Nella sua forma ideale”—scrive Naji—la gestione delle barbarie consta di otto punti, ovvero: 1. Diffondere e preservare la sicurezza interna, 2. Provvedere cibo e trattamento medico, 3. Assicurare la difesa dalle invasioni nemiche, 4. Stabilire tribunali della Sharia, 5. Alzare il livello della fede e dell’efficienza militare, tramite l’insegnamento religioso e l’addestramento militare, e rendere tutti gli abitanti consapevoli dell’importanza di questi due aspetti, 6. Diffondere la conoscenza della Sharia e quella del mondo, 7. Costruire una minima rete di spionaggio, 8. Unire le persone attraverso il denaro e l’esempio dell’amministrazione.

Alcuni di questi punti sono chiari e ovvi, altri richiederebbero degli approfondimenti che Naji non sembra essere in grado di fornire. Di fatto non scende nei dettagli di come gestire nessuna delle faccende più pratiche, limitandosi a liquidare la questione di come una guerriglia si dovrebbe trasformare in uno stato funzionante con un semplice: assumeremo qualcuno da fuori per fare questo e questaltro. In pratica offrendo la visione, in realtà piuttosto comune, di un’amministrazione tecnocratica infilata dentro a uno stato teocratico.

Naji poi insiste a più riprese sul ruolo dei media fino a porli quasi allo stesso livello dell’azione militare, e sull’importanza che il jihad curi la propria comunicazione e immagine.

Su altri punti invece pone molta più attenzione. Per esempio sul fatto che quelli a capo dei territori conquistati, oltre a essere di comprovata lealtà al jihad dovranno essere uomini educati alle vie della politica e della leadership contemporanea, tanto che oltre a testi religiosi consiglia la lettura di manuali di business management occidentali “che si possono scaricare da diversi siti internet”. Oppure sull’importanza di “separare le carriere” tra capi e amministratori (“non tutti i capi sono amministratori, non tutti gli amministratori sono capi”), dato che la fede dei secondi può non essere così comprovata, mentre quella dei primi è indispensabile che lo sia. Infine, nel tipo di amministrazione che Naji immagina, le competenze degli amministratori dovranno essere abbastanza diffuse da far sì che essi siano facilmente sostituibili (“se un amministratore sparisce, un altro deve essere pronto a prenderne il posto”).

Naji poi insiste a più riprese sul ruolo dei media (ricordiamo che scrive prima di Youtube, Twitter e Facebook), fino a porli quasi allo stesso livello dell’azione militare, e sull’importanza che il jihad—direbbe un esperto di marketing—si appropri della propria narrazione, curi la propria comunicazione e immagine, per non lasciare che esse vengano distorte da ciò che Naji chiama “l’inganno dei media dell’apostasia”.

Gli scopi delle campagne mediatiche—che Naji suggerisce di veicolare soprattutto sfruttando l’attenzione che il mondo dedica ai rapimenti—sono molteplici. Il primo è di propagandare l’obbligo del jihad tra le menti moderate e quindi di “motivare le masse dall’esterno a emigrare nel territorio che controlliamo”. Il secondo è di comunicare, con chiarezza e trasparenza, al resto della comunità musulmana gli intenti e la “probità religiosa” del gruppo che controlla la regione, in modo da prevenire e/o rintuzzare le critiche provenienti da autorità religiose islamiche estranee alla suddetta. Il terzo, e più importante, è di infiammare le popolazioni di regioni più o meno contigue a fare altrettanto, a creare e riempire vuoti di potere, così da—una volta uniti i vari lembi sotto un’egida comune—ottenere il controllo di un territorio abbastanza vasto da potervi proclamare un vero e proprio Califfato.

carico il video...
Un esempio della propaganda mediatica dell'ISIS.

Come si può vedere, i punti di contatto tra la strategia proposta dall’autore di Mos e quello che in effetti è avvenuto negli ultimi dieci anni sono numerosi e non incidentali. E questo anche senza dilungarsi troppo sui passaggi in cui Abu Bakr Naji espone la teoria del “pagare il prezzo”, ovvero quella secondo cui ogni genere di azione contro il jihad e lo Stato Islamico otterrà “una reazione che farà completamente pagare il prezzo al nemico per i suoi crimini contro l’Islam”. Una ritorsione che “non si fermerà mai”, e in cui “la eventuale cessazione delle operazioni per un periodo, anche fosse di anni, non significa una cessazione indeterminata ma solo che stiamo preparandoci per un’altra ondata di operazioni”,  ovvero i concetti con cui Daesh ha rivendicato quasi tutti i suoi ultimi attentati, in Francia e non solo.

Arrivati a questo punto, in fondo, non sorprende nemmeno scoprire che già nel 2004 Naji immaginava che tra gli effetti collaterali della strategia che stava pianificando ci sarebbe  stata anche la creazione di grandi masse di rifugiati o il bombardamento di civili inermi. Non sembrava però essere particolarmente toccato da questo pensiero, se non in termini di cattiva pubblicità. Egli infatti scrive: “Quando la battaglia si infiammerà vedremo milioni di persone emigrare dalle aree interessate, fuggire dalla battaglia con i regimi dell’apostasia o quelli crociati e sionisti, come è accaduto in Afghanistan e Cecenia. Affronteremo le campagne mediatiche che ne conseguiranno—e magari anche i più brillanti studiosi tra i capi dei movimenti islamici vi prenderanno parte—dal momento che ce ne daranno la colpa. Così come ce la daranno per i bombardamenti delle armate nemiche e allora ci prepareremo anche a quello”.

NOTE
(1) Traduzione di William McCants, con fondi del John M. Olin Institute for Strategic Studies dell’Università di Harvard. Maggio 2006.
(2) Le parentesi quadre servono solo a recuperare all’interno della citazione, elementi di senso dell’argomentazione altrimenti disposti troppo lontani nel testo originali.

Cesare Alemanni
Cesare Alemanni è caporedattore di Prismo e direttore creativo di Berlin Quarterly, una rivista di narrativa in lingua inglese che ha co-fondato a Berlino, dove risiede attualmente.

PRISMO è una rivista online di cultura contemporanea.
PRISMO è stata fondata ad Aprile 2015 all’interno di Alkemy Content.

 

Direttore/Fondatore: Timothy Small

Caporedattori: Cesare Alemanni, Valerio Mattioli, Pietro Minto, Costanzo Colombo Reiser

Coordinamento: Stella Succi

In redazione: Aligi Comandini, Matteo De Giuli, Francesco Farabegoli, Laura Spini

Assistente di redazione: Alessandra Castellazzi

Design Direction: Nicola Gotti

Art: Mattia Rinaudo

Sviluppatore: Gianmarco Simone

Art editor: Ratigher

Gatto: Prismo

 

Scriveteci a prismomag (at) gmail (dot) com

 

© Alkemy 2015