Carico...

Codice da venerare, contratti intelligenti e diamanti: uno spiegone necessario su una tecnologia davvero rivoluzionaria, la blockchain.

Quando nel 2008 Satoshi Nakamoto ha pubblicato il paper intitolato “Bitcoin: A Peer-to-Peer Electronic Cash System” probabilmente non immaginava che la sua soluzione tecnologica al problema del double-spending avrebbe creato un ecosistema in grado di cambiare la struttura di internet per come la conosciamo oggi. Satoshi Nakamoto, che in realtà è un nome fittizio e la cui vera identità ancora non è stata rivelata – malgrado periodicamente ci siano articoli che sostengono di averlo individuato – ha ideato una valuta digitale, il Bitcoin, in grado di garantire transazioni sicure senza la necessità di un’autorità di controllo centrale che certifichi tutte le singole transazioni. La tecnologia che garantisce la correttezza, la sicurezza e la validità della nuova valuta è la blockchain.

Il problema del double-spending è quello di garantire che, se l’utente A trasferisce 5€ dal proprio conto al conto dell’utente B, A non può trasferire gli stessi 5€ ad un altro utente C. Si tratta quindi di una misura per evitare contraffazioni e frodi, e nel caso di Bitcoin tutto questo è garantito senza ricorrere ad un’autorità centrale. Il Bitcoin, infatti, è una valuta che si basa sull’idea del peer-to-peer, un sistema tra pari in cui non c’è alcuna necessità di un organo centrale.

La blockchain risolve elegantemente questo problema registrando tutte le transazioni in un database decentralizzato, immutabile, e verificabile da ogni singolo utente che partecipa alla catena della blockchain. L’affidabilità e la verificabilità sono garantite dall’uso della crittografia: una funzione, chiamata hash, è utilizzata per validare l’autenticità delle transazioni e allo stesso tempo garantisce a tutti gli altri utenti la possibilità di verificare tutte le transazioni effettuate e pubblicamente disponibili lungo la catena. Gli utenti sono incentivati ad effettuare le validazioni perché ricevono in cambio un compenso.

Ogni nuova transazione è raccolta insieme ad altre a formare un unico blocco su cui poi viene calcolata una funzione di hashing, una funzione univoca che associa ad ogni singolo blocco un codice identificativo unico. A questo punto il blocco viene concatenato ai precedenti blocchi della catena. Ognuno di essi ha come identificativo un valore, che indica l’identità del blocco che lo precede, e la data e ora della transazione.

Una struttura decentralizzata è più sicura di una centralizzata perché garantisce maggiore resilienza al sistema.

La struttura della blockchain è completamente decentralizzata e ogni utente, che prende anche il nome di nodo, ha una copia del database aggiornata e identica a tutte quelle degli altri utenti. Non si ha più bisogno, quindi, di un server centrale su cui salvare tutti i dati e, pertanto, la tipica struttura del web – quella client-server – è completamente abbandonata. Una struttura decentralizzata è più sicura di una centralizzata perché garantisce maggiore resilienza al sistema: non c’è più il rischio, infatti, di perdere l’accesso ad un sito internet, qualora il server centrale fosse irraggiungibile, poiché quella copia del sito è disponibile presso tutti i nodi. Dal momento che il database è disponibile presso ogni singolo utente, l’unico modo per poter modificare una transazione a proprio piacere richiederebbe il controllo contemporaneo del 51% dei nodi: modificare una singola copia del database, infatti, non produce alcun effetto poiché i restanti nodi hanno salvato il database con il valore corretto e quella modifica non può essere quindi accettata.

La blockchain elimina la concentrazione del potere nelle mani di pochi intermediari permettendo una più equa distribuzione del valore prodotto: non c’è più bisogno di Youtube, ad esempio, per ridistribuire gli utili poiché non c’è alcun sistema centrale a gestirli. Questo tipo di struttura decentralizzata permette a due o più soggetti di collaborare, fidandosi l’uno dell’altro, senza che essi abbiano mai avuto rapporti in precedenza e senza la necessità che ci sia un garante per il loro accordo. La funzione crittografica è la sola e unica garanzia di integrità e correttezza.

Dall’idea di Satoshi Nakamoto sono nate altre blockchain applicate in contesti ben diversi rispetto a quello della moneta digitale. Un esempio è Ethereum, un progetto ideato da Vitalik Buterin nel 2013. Ethereum è una piattaforma decentralizzata che permette di utilizzare dei contratti intelligenti (smart contracts). Questi contratti sono ottenuti grazie ad un linguaggio di programmazione, fornito dalla piattaforma, che permette di creare applicazioni in grado di eseguire correttamente le istruzioni che ricevono, senza il rischio che ci siano ritardi o interferenze da parte di terzi. La piattaforma è pubblica e tutti possono scaricare il codice sorgente diventando un nodo del sistema. Con questi particolari contratti si possono concordare dei termini per un servizio da fornire, ad esempio un utente può richiedere una grafica per un sito web ad un designer e, quando il lavoro è concluso, il pagamento viene effettuato in automatico secondo i termini pattuiti e scritti nel codice. Chiunque può programmare un contratto e distribuirlo.

Questo tipo di organizzazione si auto-sostenta poiché i pagamenti automatici seguono le regole scritte nei contratti, e si auto-regolamenta perché segue le regole che il codice stesso prescrive.

Questi contratti possono dar vita a delle innovative organizzazioni, chiamate DAO, acronimo di Decentralized Autonomous Organizations. Si tratta di organizzazioni in cui la struttura centralizzata non è necessaria e il DAO è gestito indipendentemente grazie ai contratti intelligenti che sono autosufficienti e autonomi. In questo modo si hanno delle intelligenze artificiali, in grado di compiere compiti specifici ma altamente circoscritti – le cosiddette narrow-AI – che gestiscono un’azienda semplicemente creando una rete distribuita di nodi coordinati dalla crittografia, la quale garantisce estrema affidabilità e sicurezza. Utilizzando i contratti intelligenti, non c’è alcuna necessità di avere una classica struttura aziendale con la relativa lentezza burocratica che la caratterizza: per creare un’azienda di consegne, ad esempio, si possono utilizzare singoli contratti che regolano il lavoro ed il compenso di tutte le parti attive, e quindi di chi sviluppa il sistema di tracking GPS, di chi controlla lo smistamento degli ordini, di chi gestisce il sistema del feedback e di chi guida i mezzi. Tutto ciò è coordinato in maniera decentralizzata, pubblicamente accessibile ed impossibile da falsificare grazie alla blockchain. Questo tipo di organizzazione si auto-sostenta poiché i pagamenti automatici seguono le regole scritte nei contratti, e si auto-regolamenta perché segue le regole che il codice stesso prescrive. Per garantire che il processo di validazione delle transazioni sia mantenuto costantemente aggiornato, anche qui, c’è un sistema di retribuzione per chi verifica i blocchi aggiunti alla blockchain. La valuta utilizzata è l’ether, la si può acquistare su siti di scambio valute digitali come Coinbase.

La natura decentralizzata della blockchain garantisce anche maggiore sicurezza per la proprietà intellettuale e fisica degli oggetti. Aziende come Mediachain ed Everledger stanno sviluppando applicazioni che fanno uso del concetto della blockchain applicato a prodotti reali e ad opere dell’intelletto. Mediachain garantisce agli sviluppatori, agli artisti e ai creativi il pieno controllo sui contenuti digitali che producono. La corretta attribuzione di una foto o di un video online cade spesso nell’oblio ed è quindi facile che uno scatto postato su instagram finisca pubblicato sulla homepage di un giornale, senza chiedere prima il consenso all’autore di quello scatto. Con i social network questo problema è cresciuto esponenzialmente: i video virali postati su Youtube sono presi e ricondivisi da pagine Facebook sulle bacheche di milioni di utenti, garantendo dei guadagni per le pagine, ma abbandonando l’autore del video nell’oscurità e senza un riconoscimento del suo lavoro.

Per risolvere questo problema, Mediachain inserisce i metadati di video e foto all’interno di una blockchain, in questo modo l’origine e l’autore di un’opera sono legati indissolubilmente all’opera stessa. E queste informazioni, distribuite e condivise fra tutti i nodi della rete sono disponibili pubblicamente e senza il pericolo che possano essere modificate. Un sistema di identificazione dei contenuti permette poi di garantirne la corretta attribuzione ai rispettivi autori, distribuendo il compenso che spetta loro.

Everledger, invece, si spinge oltre e collega la blockchain non più a degli oggetti digitali ma ad oggetti del mondo reale: i diamanti. La blockchain garantisce un database permanente e a prova di contraffazione, in cui sono registrate le certificazioni e le transazioni dei diamanti. In questo modo le forze dell’ordine, le compagnie di assicurazione e i proprietari dei diamanti possono controllare e verificare eventuali tentativi di frode. Everledger è applicabile a qualsiasi tipo di oggetto che abbia un codice univoco di identificazione. Nel caso dei diamanti viene effettuata una scansione digitale e le informazioni raccolte, unite al numero di serie, costituiscono un’impronta digitale unica per ogni diamante. L’utilizzo della blockchain può essere quindi esteso anche ai diritti di proprietà su casa e terreni, eliminando la necessità di un’autorità centrale e soprattutto garantendo, nelle situazioni in cui i registri sono gestiti con poca cura o del tutto assenti, una protezione contro le ingiustizie sociali.

La creazione di numerose catene pubbliche rischia di creare un ecosistema frammentato, costituito da una moltitudine di sistemi decentralizzati che producono pessimi risultati quando interagiscono fra di loro.

L’idea e la tecnologia della blockchain si stanno espandendo notevolmente. Sempre più nuove aziende che propongono applicazioni innovative si affacciano sul mercato ma, allo stesso tempo, le attuali grandi compagnie stanno incorporando la blockchain all’interno dei loro progetti. È il caso infatti del mondo della finanza: importanti istituti bancari stanno adottando delle blockchain private per garantire maggiore efficienza e sicurezza agli scambi finanziari. R3 è un’azienda a capo di un consorzio di oltre 50 istituti finanziari – tra cui Barclays, J.P.Morgan, Goldman Sachs e Gruppo Unicredit – che produce e sviluppa tecnologie basate su database distribuiti e crittograficamente sicuri per il mercato finanziario.

Il rischio legato alla diffusione di blockchain private, come quella di R3, è di rafforzare e reiterare le stesse posizioni di potere centralizzato che l’idea originaria di blockchain puntava a far scomparire. Inoltre, anche la creazione di numerose catene pubbliche – Bitcoin ed Ethereum, ad esempio, non partecipano alla stessa catena di blocchi – rischia di limitare l’interoperabilità fra le varie applicazioni. Si creerebbe un ecosistema frammentato, costituito da una moltitudine di sistemi decentralizzati che, se presi singolarmente sono localmente ottimizzati, ma se fatti interagire fra loro producono pessimi risultati.

L’uso della blockchain, inoltre, richiede di cambiare la nostra concezione dei rapporti di fiducia tra le parti: non si tratta più di un patto sociale ma si trasforma in fiducia nel codice. L’accordo non è più visto come un aspetto sociologico ma puramente tecnologico. Siamo spinti a credere ciecamente nell’efficienza tecnologica della blockchain. Nel caso delle DAO ci troviamo di fronte ad un territorio inesplorato: chi risponde delle decisioni di un’azienda che opera indipendentemente da un CEO e in maniera distribuita? Si crea un vuoto legislativo di fronte ad una tale entità. Come ricorda Primavera De Filippi, attualmente professoressa associata presso il Berkman Center for Internet & Society della Harvard Law School, nel caso in cui una DAO distribuisse delle canzoni in violazione del copyright, chi ne sarebbe responsabile? Il creatore del codice? Gli utenti che svolgono il ruolo dei nodi? La DAO stessa? Tutte queste domande rimangono al momento in un limbo legale da cui non è facile uscire.

Potremmo iniziare a riporre tutta la nostra fiducia esclusivamente nel software, al punto da seguire le sue regole anche quando non si capiscono fino in fondo.

I contratti intelligenti e il meccanismo stesso di fiducia alla base della blockchain realizzano quello di cui parlava Lawrence Lessing nel libro Code and other laws of Cyberspace: il codice è legge. Nel cyberspazio il codice che governa la blockchain diventa la sola e unica norma da seguire. I favorevoli alla blockchain credono che questa tecnologia permetta addirittura la creazione di nuove forme di governo, più affidabili e trasparenti, cambiando paradigma: passando dalla competizione alla cooperazione tra le parti e ridistribuendo il valore prodotto.

Allo stato attuale, però, restano problemi da risolvere sia sotto l’aspetto legale che dell’infrastruttura stessa. Il rischio di un universo di blockchain frammentate è molto alto e potrebbe spezzare il sogno di un sitema di aziende distribuite lungo la rete. Ma una rivoluzione ben più importante potrebbe avvenire nelle nostre menti: potremmo iniziare a riporre tutta la nostra fiducia esclusivamente nel software, al punto da seguire le sue regole anche quando non si capiscono fino in fondo. Venerando, così, il potere della blockchain.

Riccardo Coluccini
Nato a Pollenza (MC), ha conseguito la Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica, presso il Politecnico di Torino, con una tesi su di un sistema di difesa intelligente costituito da droni, svolta presso la Technology University of Eindhoven.

PRISMO è una rivista online di cultura contemporanea.
PRISMO è stata fondata ad Aprile 2015 all’interno di Alkemy Content.

 

Direttore/Fondatore: Timothy Small

Caporedattori: Cesare Alemanni, Valerio Mattioli, Pietro Minto, Costanzo Colombo Reiser

Coordinamento: Stella Succi

In redazione: Aligi Comandini, Matteo De Giuli, Francesco Farabegoli, Laura Spini

Assistente di redazione: Alessandra Castellazzi

Design Direction: Nicola Gotti

Art: Mattia Rinaudo

Sviluppatore: Gianmarco Simone

Art editor: Ratigher

Gatto: Prismo

 

Scriveteci a prismomag (at) gmail (dot) com

 

© Alkemy 2015